Comunicati stampa

Antico centro dei commerci

La città più antica della Baviera e la seconda in Germania fu fondata nel 15 a.C.; divenuta città vescovile, ebbe il suo massimo splendore nel Rinasciamento, con i Fugger, quando era nota come “Augusta d’oro”.


Nell’ex capitale mondiale del commercio, la presenza dei Fugger è ancora palpabile. La loro attività iniziò nel XV secolo con il commercio del rame e continuò con i commerci internazionali. L’enorme splendore del loro impero durò cicra un secolo e tramontò al termine della Guerra dei Trent’anni. Nel panorama musicale contemporaneo, l’epoca dei Fugger rivive ogni anno con il festival “Fugger e la musica”, una rassegna di concerti nei castelli e nelle chiese. Verso la fine del XVIII secolo, Augusta è la capitale artistica del Rococò della Germania meridionale, tanto che questo stile è detto anche il “gusto di Augusta”. Il Palazzo Schaezler, apogeo del Rococò, ospita tre importanti collezioni artistiche: la Galleria Barocca Tedesca, la Collezione Grafica e la Galleria Statale di Augusta con dipinti degli Antichi Maestri tedeschi, ma anche opere di Albrecht Dürer. Ad Augusta vissero gli antenati di Holbein e Mozart, e anche Bertold Brecht, uno dei maggiori scrittori tedeschi del XX secolo, era nativo di Augusta; la sua casa natale, la Brechthaus, ospita oggi un importante Museo della letteratura. Va ricordato anche l’Augsburger Puppenkiste, il famoso Teatro delle Marionette.

 

Torna indietro